Distanza 37 km – Dislivello 1200m circa
di riccardo – Hercules Bike

Vi presento un itinerario inedito adatto agli amanti della vera MTB e sconsigliato a chi non ha un’adeguata esperienza e allenamento.
Ho deciso di pubblicarlo perché mi stavo accorgendo che alcuni dei sentieri proposti iniziavano ad essere dimenticati.
Con il gruppo Hercules ci siamo attivati e per quanto potevamo, abbiamo cercato di sistemare, di riaprire e di rendere nuovamente percorribili quei tratti abbandonati, dove la vegetazione, le frane o il dissesto del bosco avevano quasi definitivamente impedito il transito.
Spero che la condivisione della conoscenza di questi bei sentieri, faccia in modo che questi vengano percorsi da molti appassionati che sicuramente contribuiranno a mantenerli aperti e percorribili

Tornando all’itinerario: poco asfalto, molti single tracks, salite toste e discese dove è necessaria una buona padronanza del mezzo.
Questo è uno di quei giri dove bisogna essere disposti a mettere i piedi a terra almeno una decina di volte, però offre grandi soddisfazioni.
Anche se il terreno tiene bene meglio evitare di farlo dopo una giornata di pioggia soprattutto nel periodo invernale perché le discese diventano viscide e molto più difficili.
Purtroppo il tracciato è molto articolato e con pochi punti di riferimento validi.
Ho cercato di descriverlo come meglio potevo ma per chi non conosce la zona sarebbe auspicabile l’uso del GPS oppure farsi accompagnare da una guida.

L’intera descrizione potrà essere scaricata cliccando su questo link.
Assieme alla descrizione ho inserito la mappa georeferenziata del Montericco con indicati i sentieri in base alla difficoltà.
E’ utilizzabile con il software OziExplorer scaricabile gratuitamente.

Partiamo dal piazzale parcheggio del cementificio, in direzione Monselice, verso la stazione dei treni.
Dopo circa 400m si incontra il bivio a destra che sale sul MonteRicco.
Saliamo in asfalto fino ad arrivare alla sbarra elettrica sempre chiusa, dove siamo costretti a scendere dalla bici per poter attraversare la sbarra e proseguire (avessero almeno pensato di lasciare un pertugio per i pedoni e per le bici !!!!!).
Saliamo in asfalto (12% di pensenza media) fino all’undicesimo tornante (Casa Rossa) dove si girerà a sinistra passando a fianco della casa e iniziando quindi il primo tratto di sterrato.
Passiamo di fronte all’Esedra dell’Ercole e proseguiamo dritti sulla forestale tenendo il sentiero principale tralasciando tutte le deviazioni a destra o a sinistra.
Siamo sull’anello alto del MonteRicco che dobbiamo percorrere per più di metà (1,5km circa) fino a imboccare una deviazione stretta e ripida che sale a destra.
Breve tratto di salita ripida, poi proseguire sempre in salita e al successivo bivio puntare dritti verso la sommità del monte.
Prima di raggiungere l’ex-eremo costruito alla sommità, troveremo un successivo bivio dove terremo la sinistra in discesa.
Attraverseremo tutta la scalinata che congiunge la cima del monte all’esedra dell’Ercole per arrivare subito all’asfalto della strada principale del MonteRicco.
Giu in discesa percorriamo un tornante e successivamente un ampia curva alla fine della quale bisogna imboccheremo il sentiero a sinistra.
Siamo sempre sull’anello alto del Montericco che percorreremo in falsopiano per circa 800m per poi scendere sul single track che si stacca a destra.
Al bivio successivo (anello intermedio) girare a sinistra e dopo circa 20 m imboccare il single track che scende ripido a destra .
Si percorrono due tornantini stretti poi il tratto in single track termina incrociando un sentiero un po’ più largo (anello basso) dove si girerà a sinistra.
Percorsi circa 20m abbandonare il sentiero per salire sul single track che si stacca a sinistra fiancheggiato da un piccolo steccato (salita da rapportino).
Al successivo bivio andare dritti in salita più leggera fino a raggiungere la sella tra il MonteRicco e il monte Castello.
Girare a destra verso la sommità del monte Castello.
Percorsi circa 50m della traccia ben visibile girare a destra in un single track poco visibile che scende molto ripido e tecnico.
Dopo il discesone ripido, si incontra un tornante secco verso sinistra poi qualche centinaio di metri ancora in discesa per arrivare poi ai prati del versante ovest del MonteRicco.
La traccia gps ci porterà a percorrere i sentieri ben sistemati della ex cava montericco per poi giungere all’asfalto nei pressi di Arquà Petrarca.
Arriveremo poi a riprendere nuovamente lo sterrato nei pressi dell’Agriturismo Ai Ronchi, per poi sbucare nella strada provinciale che da Monselice porta verso Valsanzibio e Galzignano.
Abbandoniamo la provinciale per dirigerci a sinistra verso il Frantoio Colli del Poeta quindi imboccare lo sterrato della Fangara bassa (calto Callegaro) fino alla Pianora di Arquà.
Terminata la salita sterrata all’asfalto della Pianora tenere la sinistra e dopo circa 100m girare nuovamente a sinistra in salita su fondo cementificato di recente (ormai stanno asfaltando tutti i colli !!!!!).
Proseguire fino a quando la strada diventa pianeggiante e qui imboccare a sinistra il sentiero del monte Ventolone.
Lieve discesa, poi falsopiano quindi tenendo sempre la traccia principale il sentiero inizierà a restringersi salendo per un breve single track.
Poi il sentiero rimane in falsopiano e conduce ad un bivio nei pressi di una panchina.
Qui girare a destra in lieve salita fino ad arrivare dopo circa 50 metri ad un nuovo bivio nei pressi di un rudere.
Girare a sinistra verso la sommità del monte Piccolo.
Tenendo come riferimento il rudere, percorrere circa 100m per poi scendere in un single track poco visibile che si stacca a destra.
Subito all’inizio due tornanti secchi molto stretti, poi un lungo falsopiano quindi discesa abbastanza veloce.
Si incontra un ultimo stretto tornante quindi nuovamente discesa sempre single track in mezzo al bosco fino ad arrivare ad un bivio con un sentiero più largo (attenzione alla fine del single track ai tre scalini pericolo caduta rovinosa !!!).
Girare a sinistra percorrendo un falsopiano un pò più largo.
Proseguendo lo sterrato si restringe e inizia a scendere percorrendo un primo tornante.
Al successivo tornante proseguire sempre in discesa a destra.
Un tratto abbastanza tecnico di discesa termina con una breve scalinata in legno (attenzione pericolo caduta !!!) incrociando nuovamente la sterrata dei Ronchi percorsa prima.
Girare a destra verso l’Agriturismo fino all’asfalto.
Ad un primo bivio girare a sinistra e a quello subito successivo tenere sempre la sinistra per circa 20m per poi imboccare il single track che sale ripido verso la sommità del monte Calbarina.
Percorrere tutto il tratto impegnativo in salita, poi il falsopiano e quindi i tornanti in discesa fino ad arrivare all’asfalto nei pressi del ristorante La Costa.
Qui proseguire verso Monselice puntando verso il Montericco.
Dopo un’ampia curva abbandonare l’asfalto per salire sullo sterrato del “Pozzetto”.
Dopo essere passati a fianco della sbarra la salita comincia decisa poi spiana per brevi tratti e continua ripida con alcuni tornanti fino ad arrivare nuovamente al bivio con l’anello basso del MonteRicco.
Al bivio girare a sinistra percorrendo l’anello basso che all’inizio è in single track e poi si allarga diventando una forestale sempre con saliscendi facili.
Un ultimo tratto in salita porta all’asfalto della strada principale del MonteRicco.
All’asfalto girare a destra in salita fino a raggiungere nuovamente la casa Rossa.
Da qui di nuovo verso l’Esedra dell’Ercole e poi proseguire dritti tralasciando la forestale che scende a sinistra.
Percorsi circa 300m dall’Esedra girare a sinistra in un single track in discesa poco visibile.
Si arriva giù sulla forestale, nuovamente nei pressi della sella tra il MonteRicco ed il Monte Castello.
Girare a sinistra in salita percorrendo circa 300m.
Abbandonare la forestale per girare a destra in single track in discesa fino ad arrivare ad un bivio nei pressi del fronte cava delimitato da una rete metallica (prestare molta attenzione al precipizio poco protetto !!!).

Bordo cava

Proseguire a sinistra in leggera salita costeggiando tutto il fronte cava.
Dopo una breve dicesa il single track diventa più ripido.
Appena spiana c’è un bivio dove bisogna stare a sinistra sempre in single track.
Al successivo bivio andare a destra (tratto tecnico in discesa) fino ad arrivare nuovamente sull’asfalto principale del MonteRicco.
All’asfalto andare nuovamente in salita di nuovo fino alla casa rossa.
Qui continuare ancora su asfalto in salita per altri 50m per poi girare a destra sullo sterrato dell’anello alto.
Percorrere circa 250m e abbandonare l’anello alto girando a destra in discesa su un single track ripido con tornantini (fondo in terra battuta).
Si arriva ad incrociare l’anello intermedio dove si svolterà a sinistra.
Si incontreranno alcuni intoppi dovuti a degli alberi caduti che intralciano il sentiero.
Mantenere sempre la traccia principale che porterà a percorrere tutti i 5 tornantini (intervallati da alcuni scalini in legno) che portano nuovamente all’anello alto.
Giunti all’anello alto girare a destra e percorrere la forestale fino all’Esedra dell’Ercole.
Guardando la statua dell’Ercole si noterà che a sinistra dell’esedra inizia un single track con tre scalini in pietra e prosegue verso destra costeggiando la mura dell’esedra.
Si passa praticamente sotto la statua dell’Ercole per un piacevole tratto in discesa su single track.
Al successivo bivio girare a sinistra fino al fronte cava già incontrato in precedenza.
Questa volta girare a destra: la discesa diventa per alcuni brevi tratti più tecnica sempre in single track attraversando anche punti abbastanza impegnativi perchè ripidi o per la presenza di pietre mosse.
Tralasciare le deviazioni tenendo sempre il sentiero principale in discesa.
Si arriverà alla cava dopo la quale il sentiero diventa largo e più facile, fino a raggiungere una sbarra metallica poco prima dell’ incrocio con l’asfalto di via Pignara.
Girare a sinistra fino ad arrivare al passaggio a livello nei pressi della stazione dei treni di Monselice.
All’ incrocio girare a sinistra e proseguire fino a tornare al piazzale del cementificio.

Tips: sconsigliato a chi non ha un’adeguata esperienza e allenamento
per chi non conosce i sentieri del MonteRicco consigliato l’utilizzo di gps o farsi accompagnare da guida
sconsigliato dopo piogge per presenza discese viscite
attenzione ostacoli in discesa
attenzione ciglio cava poco protetto

p.s: nuovo progetto dell’autore di questo articolo, maggiori informazioni
Link della traccia su Everytrail

Share →
  • http://www.euganeo.org francesco

    eh si, anch'io spero che la condivisione aiuti a mantenere e a preservare i sentieri dei colli dall'asfalto e dall'incuria…
    …il tratto del monte piccolo (quello in alto…che parte da via fontanelle) è sempre bello rifarlo…:-)))

  • http://www.euganeo.org francesco

    eh si, anch'io spero che la condivisione aiuti a mantenere e a preservare i sentieri dei colli dall'asfalto e dall'incuria…
    …il tratto del monte piccolo (quello in alto…che parte da via fontanelle) è sempre bello rifarlo…:-)))

  • Pingback: Monte Ricco – III single track « euganeo.org

  • Pingback: Gli articoli più cliccati del 2010 | euganeo.org

  • Marco “Bradibiker”

    Ciao a tutti, l’ho fatto in parte ieri matina “Ferragosto 2011″ e purtroppo DEVO segnalare che i single track sono praticamente tutti pieni di rovi, piante appollaiate, sassi franati e il ciglio cava è ben segnalato ma la vegetazione sull’altro lato del manubrio impedisce di proseguire in bici….servirebbe un’altra campagna di pulizia e un mantenimento costante….ma mancano sicuramente i fondi e il tempo per realizzare tutto ciò. Io mi domando: perchè i “Colli” sono infestati di sentieri e sentierini e non esiste una politica di selezione e mantenimento degli stessi?…meglio pochi ma buoni!!! Buone pedalate a tutti

  • http://www.euganeo.org francesco

    E’ sempre difficile scegliere….cmq ce ne sono alcuni più sensibili di cure di altri, come ad esempio quelli del Ricco, il tratto sotto il Ventolone….o il single track  che scende a Cornoleda da Villa Beatrice…e qualche altro…basterebbe concentrarsi su questi

Aggiornata mappa

Aggiornata la mappa: # possibilità di caricare gpx, kml per la visualizzazione veloce # possibilità di ottenere maggiori informazioni su strade e sentieri (fonte db osm) Se […]
gen 11, 2014 /

Discese torride

Nel libro Lo Straniero di Alber Camus il protagonista da la colpa dell'omicidio che ha commesso al caldo, alla canicola che lo ha reso meno […]
ago 10, 2013 /
561146_4215813643970_1011777246_n

Teolo Bike 2012

Domenica 2 settembre si terrà a Teolo la 4^ TEOLOBIKE - 7^ Tappa della COPPA COLLI EUGANEI. Percorso totale di 30 Km circa (2 giri), […]
ago 25, 2012 /

Sossano - Toara

Giro in mtb nel versante sud dei colli berici. Il percorso ripercorre per buona parte la traccia della medio fondo Nonostante la canicola, sono posti & sentieri […]
ago 20, 2012 /

Il giro del Tremalzo

Tour fantastico. Lungo e faticoso. Quasi 2000 mt di dislivello per 64 km. I primi km sul sentiero della Ponale: una via sterrata che da […]
lug 30, 2012 /
Sasso

Traccia comprensorio sud Colli Euganei

Traccia all inclusive con poco asfalto e salite "le migliori che (secondo noi) ci sono" visto il caldo e la morfologia dei Colli Euganei. Partenza […]
lug 14, 2012 /